ORGANI DELLA REGIONE INSUBRIA:
a) Consiglio regionale formato da n, ….. consiglieri
b) Il Presidente della Regione, la Giunta, e gli assessori che la compongono sono organi esecutivi eletti direttamente dai cittadini con il sistema maggioritario. Il Presidente della Regione è il capo dell'amministrazione regionale e rappresenta la Regione. Promulga le leggi ed i regolamenti regionali, svolge anche le funzioni di Prefetto.

POTESTA' LEGISLATIVA E COMPETENZA NELLE SEGUENTI MATERIE:
a) Ente Regione ed enti locali- suddivisione amministrativa
1-ordinamento degli uffici regionali, degli enti dipendenti dalla Regione e stato giuridico ed economico del personale
2-ordinamento degli enti locali e delle relative circoscrizioni
3-pulizia locale urbana e rurale
4-sviluppo della cooperazione e vigilanza sulle cooperative
5-assunzione diretta di servizi pubblici e loro gestione a mezzo di aziende speciali

b) Finanza demanio e patrimonio: fanno parte del
1-demanio: i beni del demanio dello Stato situati sul territorio regionale, eccettuati quelli interessati alla difesa dello Stato o di carattere nazionale
2-patrimonio: i beni patrimoniali dello Stato presenti sul territorio regionale, quali le foreste, le cave, quando la disponibilità non è sottratta al proprietario del fondo, gli edifici destinati a sedi di uffici pubblici della Regione e tutti gli altri beni destinati a pubblico servizio della Regione.
3-finanza: ai fini dell'accertamento delle imposte dirette erariali, gli uffici finanziari dello Stato nella Regione, comunicano alla Giunta Regionale le liste dei contribuenti che domiciliati nel territorio possiedono redditi tassabili al loro nome mediante ruolo. Le entrate della Regione sono costituite :......................
…................................................................................. …
..................................................................................
2-dagli attuali costi delle provincie soppresse
3-dai ricavi generati dalla gestione diretta dei beni di carattere demaniale/patrimoniale.

c) lavoro economia e sviluppo

  1. ordinamento guide, scuole di sci e portatori alpini 
  2. disposizioni in materia di tutela sul lavoro 
  3. costituzione e funzionamento di commissioni comunali e (provinciali) per l'assistenza e l'orientamento dei lavoratori nel collocamento 
  4. apprendistato 
  5. ordinamento delle attuali camere di commercio 
  6. incremento e tutela dei prodotti tipici regionali
  7. artigianato e commercio 
  8. industria alberghiera, turismo e tutela del paesaggio

d) gestione del territorio

  1. alpicoltura e foreste, zootecnia, flora e fauna 
  2. piccole bonifiche ed opere di di miglioramento agrario e fondiario 
  3. strade e lavori pubblici di interesse regionale 
  4. urbanistica e piani regolatori per zone di particolare interesse turistico 
  5. trasporti su funivie e lacustri 
  6. acque minerali e termali, miniere, cave e torbiere 
  7. caccia e pesca 
  8. acque pubbliche destinate ad irrigazione ed a uso domestico 
  9. biblioteche, musei di enti locali 
  10. servizi antincendi ed opere di prevenzione e di pronto soccorso per calamità pubbliche 
  11. toponomastica 
  12. contributi per miglioria in relazione ad opere pubbliche eseguite da altri enti pubblici comprese nell'ambito del territorio regionale 
  13. espropriazione per pubblica utilità per tutte le materie di competenza regionale 
  14. gestione delle acque a scorrimento regionale, e foreste

 

e) istruzione di ogni grado, ordinamento degli studi

  1. edilizia scolastica, addestramento e formazione del personale 
  2. istruzione tecnico professionale

 

f) disciplina del credito (delle assicurazioni) del risparmio (regionale)

  1. ordinamento delle casse di risparmio e delle casse rurali e di tutte le aziende di credito a carattere regionale per finanziamenti alle attività economiche nella Regione 
  2. ordinamento della promozione e gestione di fondi CEE relativi ad investimenti regionali

 

g) ordinamento dei servizi a favore dei cittadini residenti
1-ordinamento degli enti sanitari ed ospedalieri del presenti sul territorio regionale

Può provvedere con legge:
1- esercizio dei diritti demaniali e di gestione sulle acque pubbliche, e sugli alvei dei fiumi che scorrono nel territorio regionale, nonché quelli relativi a miniere e cave
2-produzione, gestione e distribuzione di energia elettrica , disciplina dell'utilizzazione delle acque pubbliche ad uso idroelettrico
3-istituzione di consorzio regionale(anche con capitale misto) per lo smaltimento della nettezza urbana prodotta sul territorio con relativa produzione di energia, in sintonia con le norme ambientali vigenti
4-all'istituzione di nuovi comuni ed alla modificazione delle loro circoscrizioni e denominazioni, dando facoltà di esprimersi alle popolazioni interessate tramite “referendum”
5- di indire referendum ordinati da relativa legge regionale
6-La Regione, al fine di favorire lo sviluppo economico-occupazionale, può disporre nei limiti della propria competenza territoriale, esenzioni ed agevolazioni fiscali a tutela di aziende in difficoltà per per insediamenti di nuove imprese con assunzione di personale residente dal almeno 3 (tre) anni
7-può sopprimere parte o tutte le provincie esistenti sul territorio, (previa ricollocazione del personale) al fine di privilegiare un rapporto più diretto con i cittadini ed il territorio stesso tramite i comuni.

*  Questo programma non è definitivo in quanto sono ben accetti tutti i relativi suggerimenti, i quali potranno essere recepiti previa verifica da parte dei nostri esperti.

Cantattaci

Contattaci

Mobile: +39 334 933 10 02

Email: movciv...@gmail.com

L'Insubria

L'Insubria è una regione storica non univocamente definita, con cui viene designato il territorio abitato ab antiquo dagli Insubri, popolazione che si stanziò in epoca protostorica nella regione compresa fra il Po e i laghi prealpini a partire dal IV secolo a.C., cui Tito Livio attribuisce la fondazione di Milano.